X Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto

L’HISTOIRE DU SOLDAT PER IL CINQUANTENARIO DI IGOR STRAVISNKY

05 OTTOBRE 2021 | 12:10

Continua la rassegna “di confine” di Ikarus Green Belt Festival che venerdì 8 ottobre, grazie alla collaborazione con Piccolo Opera Festival, porta in scena L’Histoire du Soldat di Igor Stravisnky alle 17.30 nel Municipio di Cras, frazione di Drenchia.

In occasione del cinquantenario della morte del compositore russo, il “musicattore®” Luigi Maio propone il suo personale allestimento dell’Histoire du Soldat che gli è valso il Premio dei Critici di Teatro. Con lui, l’Ensemble della Glasbena Matica FJK, diretto d. Maio si fa letteralmente in quattro per interpretare il Soldato, il Diavolo, il Narratore e la Principessa, esplicitando il tema del Doppio alla "Jekyll & Hyde" attraverso un vero e proprio one man show, mutando voce e mimica nell'idea originaria di Stravinsky e Ramuz.

Reduce dal Martha Argerich Festival di Amburgo, dalle celebrazioni del Centenario dell'Histoire a Ginevra, nonché dal recente successo del Soldat in piazza della Transalpina, tra Gorizia e Nova Gorica, affiancato dall’Ensemble della Glasbena Matica FJK, diretto da Hirofumi Yoshida per il Piccolo Opera Festival, Maio riduce ai minimi termini l’assetto drammaturgico «cucendo su di sé lo spazio scenico», così da creare un vero e proprio teatro antiassembramento. Questo nel rispetto tanto della filologia, quanto delle attuali normative sanitarie (tenendo conto che il Soldat nacque in piena epidemia di Spagnola).  

L'Histoire du Soldat è dunque uno spettacolo emblematico, semplice e profondo, un capolavoro senza tempo che l’estro poliedrico di Luigi Maio ha reso accessibile a tutte le età. 

Ikarus è il festival che unisce eventi culturali, arte, escursioni, attività formative e buone pratiche nei territori della Green Belt, lungo il confine con la Slovenia: le Alpi, le Valli del Torre, le Valli del Natisone e il Collio. È vincitore dell’avviso pubblico "Borghi in Festival" promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

Gli appuntamenti di Ikarus termineranno il 17 ottobre: la partecipazione è gratuita e a numero chiuso. Si consiglia la prenotazione sul sito www.ikarusfest.eu dove è possibile consultare tutto il programma con orari e descrizioni di eventi e camminate. Obbligo di esibizione del Green pass o tampone.

 

CONDIVIDI