X Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto

IKARUS GREEN BELT FESTIVAL - SECONDO WEEKEND DI EVENTI

13 SETTEMBRE 2021 | 13:41

Tutto pronto per il secondo lungo weekend targato Ikarus, il Green Belt Festival, che porta arte, teatro, cultura ed escursioni lungo il confine con la Slovenia, dalle montagne al Collio.

Si inizia già giovedì 16 settembre con Le camminate di Ikaruse un pomeriggio di escursione che parte dal Centro Stolberg (Lusevera) e si snoda sugli antichi tracciati Alla scoperta delle tradizioni in Alta Val Torre: sentieri lastricati testimoni di tempi passati segneranno il percorso tra casere, mulini, lavatoi e boschi risonanti di leggende.

Sempre giovedì appuntamento con il primo appuntamento dedicato alla musica dei Grandi Classici, con l’Omaggio ad Astor Piazzolla al Centro Stolberg alle 18.30: a cent’anni dalla nascita del grande musicista italo argentino, il fisarmonicista e direttore d’orchestra Igor Zobin insieme al giovane e talentuoso Quartetto Nova, ripropone i tratti salienti dello spirito musicale piazzolliano, eseguendo alcuni fra i lavori più intimi e rappresentativi dell’autore.

Venerdì 17 settembre Le camminate di Ikarus faranno scoprireI castelli di Attimisattraverso sentieri e mulattiere nei boschi tra Borgo Faris e Racchiuso.

Alle 18.30, al Castello di Partistagno, appuntamento con la prima delle tre Camminate Concerto di Ikarus con il liuto di Emilio Blezzi e la voce di Lora Pavletic: immersi nella natura e nelle tradizioni delle Valli, un’inedita passeggiata in compagnia dei musicisti fra castelli, vigneti e chiesette.

Sabato 18 settembre si inizia la mattina con Le camminate di Ikarus dedicata alle chiese rupestri e al patrimonio storico della Val Grivò: ben 7 chiesette saranno aperte al pubblico e illustrate attraverso le spiegazioni dei volontari FAI, di esperti locali e alcuni bambini per un’escursione che unisce la magica presenza di questi luoghi di culto di origine medievale alla bellezza del contesto naturale e paesaggistico.  Sono previsti diversi orari di partenza e diverse lunghezze dell’escursione a seconda del grado di allenamento.

Sempre sabato sono tre gli appuntamenti con il “teatro in sella” del Kamishi-bike, uno la mattina e due nel pomeriggio tra il Castello di Cergneu (Nimis), Porzus e Faedis: prendendo spunto dal teatro giapponese, il CTA Gorizia porta gli spettacoli nei piccoli borghi delle Valli utilizzando la bicicletta, mezzo antico, ecologico e allo stesso tempo simbolo di riavvicinamento alla natura.

Chiude la giornata lo spettacolo “Il Mare nel Bosco – Chiudo gli occhi e vedo”, dove il duo italo-argentino Gushi e Raffunk porta in scena lo spettacolo multimediale (con uso di cuffie), un vero e proprio percorso onirico fatto di racconti, resi speciali dal supporto di animazioni analogiche dal vivo e musica. 

Domenica 19 settembre appuntamentoalle 10 con la Camminata di Ikarus L’alta Val Grivò tra San Lorenzo e Joanazin località Canebola (Faedis): escursione un po’ impegnativa che attraversa l'Alta Val Grivò sull'antico sentiero che portava a Pedrosa e Valle di Soffumbergo per poi salire alla panoramica vedetta del San Lorenzo e fino alla vetta del monte Joanaz.

Chiude la giornata il secondo appuntamento di Ikarus con i Grandi Classici con Pierino e il Lôf dialla Bocchetta di Sant’Antonio (Faedis), la versione friulana della celebre favola sinfonica di Sergei Prokofiev con la voce dell’attore Massimo Somaglino e la musica dell’Orchestra Glasbena Matica.

La partecipazione agli eventi è gratuita e a numero chiuso. Si consiglia la prenotazione sul sito www.ikarusfest.eu dove è possibile consultare tutto il programma con orari e descrizioni di eventi e camminate. Obbligo di esibizione del Green pass o tampone.

Ikarus è uno degli otto vincitori tra i 643 progetti partecipanti, dell’avviso pubblico "Borghi in Festival" promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.

CONDIVIDI