X Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto

B COME BIANCO, B COME BAKEL

05 MAGGIO 2014 | 17:24

Bianco.

Il bianco era il colore dominante dell’evento per l’apertura della nuova sede Bakel a Udine.
Bianco come la pura filosofia dell’azienda che crea prodotti per la cura della pelle composti al 100% da principi attivi, senza alcun derivato del petrolio, siliconi, conservanti, coloranti o alcol, né altre sostanze inutili per la pelle.
Bianco come le candele accese durante la serata, bianco come i fiori disseminati su pavimenti, scale e davanzali degli uffici e sapientemente racchiusi da bottiglie di vetro trasparente.
Bianco come gli abiti che indossavano Raffaella Gregoris e Francesca di Lenardo, le due fondatrici di Bakel.
Bianco come il packaging minimalista delle creme, dei sieri e di tutti i prodotti Bakel, bianco come l’immagine coordinata del brand e del sito bakel.it, tutto ideato e realizzato da Web Industry per essere made in Italy, ma internazionale.
Sì perché Bakel ha la propria sede a Udine ma lavora in tutto il mondo: è l’unico marchio italiano di skin-care presente nel reparto bellezza di Bergdorf&Goodman, il tempio dello shopping di lusso di New York sulla Fifth Avenue. Provare per credere, lo troverete vicino a "mostri" della bellezza come Chanel e La Prairie.

Francesca G.

CONDIVIDI