X Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. Accetto

50 ANNI DI AMORE PER LIGNANO

26 LUGLIO 2014 | 15:46

Lasciando da parte per un attimo polemiche varie contro le previsioni meteo che non c'azzeccano, i prezzi troppo alti, i cattivi ristoranti e l'imu sulla seconda casa, resta la Lignano che in tanti amiamo, ognuno a modo suo, ognuno con il proprio posto preferito, la spiaggia, i tramonti, i pontili...

Ieri sera c'è stato l'evento per i 50 anni di Stilmoda, il negozio di Sabbiadoro che vende marchi bellissimi come Valentino, Moncler, Stella Mc Carney, Pucci, Missoni e che è stato aperto nel 1964 da Miranda Vidotto. Un negozio che dalla strada si estende inaspettatamente all'interno con un bellissimo spazio aperto che ieri sera ha ospitato oltre 200 persone e la sfilata delle creazioni autunno/inverno di Ermanno Scervino. 50 anni di Lignano durante i quali Miranda - adesso insieme alla figlia Maria Teresa - ha visto cambiare la moda, le tendenze, lo stile, il modo di vestire delle donne e anche i turisti e la sua città.

E l'amore verso Lignano non poteva essere raccontato meglio che da Giusi Ferrè, la celebre penna del Corriere (Io Donna) che mai risparmierà ad alcuna donna, vip e non, colori mal abbinati e vestiti brutti. Giusi ha raccontato il suo amore per Lignano - che ha scoperto per la prima volta l'anno scorso - in un magazine di 8 pagine che è stato presentato ieri sera. Ha colto al meglio l'essenza di Lignano: "un contrasto tra modernità e passato, tra architettura e natura ancora selvaggia fatta di pinete, sabbia, vento, tramonti sulla laguna" e ha intervistato Miranda facendosi raccontare come si diventava donne e imprenditrici dopo la guerra e come è cambiato il rapporto con i clienti.

La serata è stata bella, elegante ma mai pretenziosa, curata in ogni dettaglio: non solo moda e abiti ma anche il design di Vattolo con i mobili Gervasoni, il gusto dei cocktail preparati con i distillati Nonino,  la solidarietà dei bracciali Tatù che erano in vendita per raccogliere fondi per SOS Vittima Onlus contro la violenza sulle donne e la bellezza dei gioielli Pomellato presentati da Nitta. La serata giusta per chia ama Lignano, anche quando è mondana.

 

CONDIVIDI